Corso di Massaggio Miofasciale a Saint-Pierre (Aosta)

15 Febbraio 2017 Senza categoria

logo miofasciale

L’Istituto Clinico Valdostano (ICV) di Saint Pierre (Aosta), nei week-end 03-04 e 17-18 giugno 2017, ospiterà il corso di “Massaggio Miofasciale”, tenuto dal Dr. Roberto Pellegrini.

Il corso è aperto ai fisioterapisti, e fornisce 46 crediti ECM. Per info e iscrizione rivolgersi alla segreteria ICV: 01659270299

La metodica e le indicazioni

Il massaggio miofasciale, molto conosciuto all’estero, in Italia viene confuso con le molteplici tecniche fasciali usate dalle varie figure professionali che lavorano nel settore, siano esse osteopati, fisioterapisti, massofisioterapisti o massaggiatori.
Si tratta di una tecnica apparentemente di facile esecuzione, ma per la sua assoluta precisione necessita di una importante conoscenza dell’anatomia manuale, con questo s’intende “il sapere sempre dove appoggiamo le mani” o un dito o ancora solo una parte di questo.
Molto usato nell’ambito sportivo e rieducativo, risulta essere un ottimo trattamento anche nel paziente non traumatizzato.
La praticità di questo metodo ci permette di entrare in profondità nel corpo o scegliere un approccio più soft a seconda delle necessità. Possiamo impostare liberamente il nostro lavoro su tutti i muscoli, come solo su uno per poi continuare con altre tecniche.
A differenza degli altri tipi di massaggio: non lavora sui muscoli, ma tra i muscoli, cioè sulla fascia che li riveste (aponeurosi superficiale), liberandola in questo modo da eventuali aderenze, fibrosi, ristagni ecc.. siano esse di origine traumatica (recente o remota) posturale ecc..
Il terapista manuale si accorgerà che il massaggio miofasciale una volta appreso tecnicamente risolverà molte patologie e completerà il lavoro di altre tecniche.

Corso_Massaggio_Miofasciale_Olistico

IL CORSO
Dopo una prima parte puramente teorica: improntata sulla anatomia e fisiologia delle catene fasciali, il corso inizia molto dinamicamente la sua parte pratica. Si affrontano uno dopo l’altro tutti i muscoli da trattare fondendo insieme l’anatomo –fisio-patologia e il trattamento manuale. Per ottimizzare il lavoro sono state inserite molte tecniche di mobilizzazioni articolari.